A Cuneo il giovane talento di Julia Kavalenka

Portoghese, con origini bielorusse, l’opposto pronto per la sfida italiana

Ecco il giovane talento della portoghese Julia Kavalenka, nona giocatrice a disposizione di coach Andrea Pistola

Kavalenka: “Vivrò un sogno, lavorerò al massimo per migliorare”

Il roster che la società Cuneo Granda Volley sta approntando per la stagione  dell’esordio assoluto nel Campionato Italiano Femminile di Serie A1, continua ad arricchirsi di giorno in giorno. Sin dall’inizio, la dirigenza di via Bassignano ha reso note le proprie intenzioni: “creare un mix tra giovani talenti ed esperienza”. Si è partiti dall’affermata campionessa Van Hecke per poi giungere alla giovane Bosio, proseguendo con Ruzzini, Markovic, Zambelli, Mancini, Ilyasoglu e Kaczmar. Ora è il turno di Julia Kavalenka, opposto di nazionalità portoghese.

In arrivo dall’esperienza con il Budowlani Toruń, club della massima serie polacca, la talentuosa diciannovenne ha sin da bambina viaggiato e vissuto in diverse realtà europee, lontana dalla Bielorussia, sua terra d’origine, sempre al fianco dei genitori coinvolti nel mondo dello sport di alto livello. Il cammino pallavolistico si apre in Spagna (Torrevelaga) per poi proseguire alle isole Azzorre. Notata dall’allenatore della nazionale, Julia dall’età di 14 anni fa parte della squadra portoghese, terra d’adozione. A Cuneo potrà proseguire la sua crescita, incentivata dall’esperienza di una compagna di reparto del calibro di Lise Van Hecke.

«Sono davvero molto felice – dichiara Julia Kavalenka, opposto dell’UBI Banca S.Bernardo Cuneo – per questa grande opportunità che mi è stata concessa. Posso dire con orgoglio che vivrò un sogno giocando ad un livello così alto. Sarà una stagione difficile e per questo molto interessante, vissuta in uno dei campionati ‘toppest’ in Europa ed al Mondo. Non vedo l’ora di iniziare a respirare la grande pallavolo italiana e, naturalmente, di iniziare a conoscere la realtà di Cuneo: città dove voglio lavorare al massimo per migliorare le mie capacità».