Foto di rito per le giocatrici della Bosca S.Bernardo Cuneo e i ragazzi della Cooperativa Onlus Il Faggio di Savona (credit Danilo Ninotto)

Mercoledì primo dicembre le gatte e otto ragazzi diversamente abili della Cooperativa Onlus
Il Faggio di Savona hanno scritto una nuova pagina del progetto #WeAreFamily

Vercelli: «Un progetto nato per pomeriggi di scambio reciproco come questo»

Nel pomeriggio di mercoledì primo dicembre giocatrici e staff tecnico della Bosca S.Bernardo Cuneo e otto ragazze e ragazzi diversamente abili tra i venti e i quarant’anni della Cooperativa Onlus Il Faggio di Savona, accompagnati da tre educatori, sono scesi in campo insieme al Palazzo dello Sport di Cuneo per un allenamento speciale ideato dallo staff tecnico cuneese. L’attività si inserisce nel progetto di welfare e inclusione sociale di Cuneo Granda Volley #WeAreFamily, lanciato la scorsa primavera. Se nelle prime partite casalinghe di campionato i ragazzi della Cooperativa Onlus Il Faggio hanno svolto il servizio campo insieme alle atlete della Granda Volley Academy, con l’attività di mercoledì primo dicembre sono diventati i coprotagonisti della scena. Un’esperienza arricchente e formativa per entrambe le parti, con le giocatrici biancorosse che hanno dimostrato di sapersi mettere in gioco e i ragazzi della Cooperativa Il Faggio Onlus che hanno vissuto il loro primo approccio alla pallavolo superando paure e insicurezze. Al termine dell’allenamento condiviso le gatte hanno svolto una seduta di tecnica in vista della sfida esterna contro la VBC Trasporti Pesanti Casalmaggiore in programma domenica 5, cui i ragazzi della Cooperativa Onlus Il Faggio di Savona hanno assistito dagli spalti prima di fare rientro a Savona con in testa già la prossima partita interna della Bosca S.Bernardo Cuneo, quella di domenica 12 contro Volley Bergamo 1991.

DINO VERCELLI, VICEPRESIDENTE CUNEO GRANDA VOLLEY «Sono molto soddisfatto di questa giornata, che è il risultato di un lavoro di squadra iniziato la scorsa primavera. Sono tanti i ringraziamenti: il primo è agli educatori delle tre cooperative che hanno aderito al progetto #WeAreFamily dalla prima ora (Cooperativa Onlus Il Faggio di Savona, Fondazione ISAH di Imperia e Cooperativa Proposta 80 di Cuneo): senza la loro competenza e passione l’attività di oggi non sarebbe stata possibile. Il secondo ringraziamento va alle nostre ragazze, che hanno risposto alla grande con un entusiasmo contagioso, il terzo a Andrea Pistola e Domenico Petruzzelli per aver ideato una sessione di allenamento che ha saputo coinvolgere in egual modo le giocatrici della Serie A1 e i ragazzi della Cooperativa Il Faggio Onlus. Un pomeriggio di scambio reciproco come quello odierno è stato nei nostri pensieri fin dagli albori di questo progetto, e vedere giocatrici della prima squadra e ragazzi diversamente abili giocare insieme, ridere, scherzare e confrontarsi è stato al contempo emozionante e stimolante per le prossime imminenti tappe del progetto».

ROMINA BRACCO, RESPONSABILE ATTIVITÀ SPORTIVE E RIABILITATIVE DELLA COOPERATIVA ONLUS IL FAGGIO «Buona, anzi ottima la prima: abbiamo visto sorrisi e manifestazioni di gioia che mancavano da tanto. Se fino ad ora i ragazzi si erano già appassionati molto alla pallavolo e alle giocatrici della Bosca S.Bernardo Cuneo, sono certa che dopo l’allenamento di oggi il loro interesse crescerà ancora. Grazie all’attività di servizio campo in occasione delle partite casalinghe hanno compiuto numerosi progressi dal punto di vista dell’autonomia, e vederli in campo con giocatrici di pallavolo di Serie A1 è un sogno che si è avverato».

NOEMI SIGNORILE, PALLEGGIATRICE BOSCA S.BERNARDO CUNEO «Siamo molto contente: giocare con questi ragazzi è stata una bellissima esperienza. Vedere e sentire la loro gioia e la loro voglia di imparare ci ha arricchite e fatte riflettere molto. In attesa del prossimo allenamento insieme, li aspettiamo a bordocampo domenica 12 dicembre».