Un’esultanza delle cuneesi (credit Michele Gregolin)

Le gatte offrono una prova volenterosa
ma devono inchinarsi alla capolista Imoco Volley Conegliano

Stijepic: «Abbiamo fatto il massimo; contenta per le giovanissime»

IN SINTESI La Bosca S.Bernardo Cuneo torna in campo a distanza di ventidue giorni dal vittorioso derby con Chieri e lo fa schierando una formazione ampiamente rimaneggiata che deve inchinarsi all’evidente superiorità delle campionesse del mondo dell’Imoco Volley Conegliano (3-0). Risultato mai in discussione al Palaverde, dove le gatte con una prova volenterosa onorano al meglio il match. Per il sodalizio cuneese una partita che rimarrà nella storia come atto di resilienza e per l’esordio nel massimo campionato di cinque giovanissime atlete della Granda Volley Academy.

Al termine della contesa è l’opposto Milka Stijepic, oggi all’esordio nel campionato italiano e schierata in banda per l’occasione, a commentare la prova delle biancorosse. «È stato un debutto molto diverso da come l’avevo immaginato, ma credo che oggi abbiamo fatto davvero il massimo. Sono molto contenta per le giovanissime, che oggi hanno lottato su ogni pallone dimostrando tutta la felicità per un sogno che si è realizzato. Ora dobbiamo soltanto pensare a recuperare tutti gli effettivi e a ritrovare la condizione, poi torneremo a fare risultati».

CRONACA

PRIMO SET La Bosca S.Bernardo Cuneo parte con Bici opposta a Moschettini, Fava e Andeng al centro, Battistino e Stijepic schiacciatrici e Montabone libero. Coach Santarelli risponde con la diagonale Gennari-Gicquel, Hill e Omuryi in banda, Fahr e Butigan al centro, Caravello libero. Le ospiti iniziano bene (0-2), ma le padrone di casa prendono subito le misure e si portano sul 5-3. Nonostante la formazione ampiamente rimaneggiata la Bosca S.Bernardo Cuneo rimane attaccata alle campionesse del mondo (9-7), poi arriva l’allungo firmato Fahr e Gicquel: 13-7 e primo time out richiesto dalle ospiti. Capitan Bici non riesce ad entrare nel match, e due suoi errori valgono il 15-7. Con Gicquel e Fahr sugli scudi le Pantere volano sul 18-8. Sul 21-9 siglato da Hill è nuovamente time out per le gatte. Un bell’attacco di Battistino porta le ospiti in doppia cifra. Butigan regala alle sue il primo set ball, che Fahr vanifica con un errore dalla linea dei nove metri. Il primo parziale si chiude sul 25-11 per l’Imoco Volley Conegliano; buona la prova delle cuneesi con quattro elementi al debutto nella massima serie.

SECONDO SET Partenza sprint delle padrone di casa, che si portano sul 5-0. Un errore al servizio di Gennari e un attacco out di Gicquel regalano alle ospiti i primi due punti, poi l’opposto francese si riscatta per il 6-2. Bici rompe il ghiaccio per il 6-3. Butigan si prende la scena con due punti che valgono il 9-3, e la panchina cuneese interrompe il gioco con il primo time out del parziale. Imoco Volley Conegliano in scioltezza in questo secondo set (17-6), in cui la Bosca S.Bernardo Cuneo non riesce a trovare le giuste contromisure. Sul 21-7 nuovo time out per la panchina cuneese. Stijepic a segno due volte consecutive e sul 22-9 coach Santarelli ferma il gioco per la prima volta nel match. Fiammata d’orgoglio delle ospiti con il primo tempo di Andeng, ma un’infrazione cuneese vanifica un bello scambio e consegna alle pantere il primo set ball. È Hill a mettere il sigillo sul secondo set (25-10).

TERZO SET Dopo un inizio punto a punto (5-4) le ospiti impattano per la prima volta nel match grazie a un bell’attacco di Bici (6-6). L’Imoco Volley Conegliano non riesce a scappare come nei primi due set (9-8), poi Gicquel e Omuruyi confezionano il break che vale l’11-8. Un tocco delizioso di Hill e un pallonetto di Butigan scavano il solco (14-10). Hill sale in cattedra per il 15-10. Un bell’attacco di Bici e un errore in attacco di Omuruyi riportano sotto la Bosca S.Bernardo Cuneo, poi ancora Bici a segno per il 17-14. Un’infrazione in attacco delle pantere vale il 18-15. Gicquel mette a segno il diciassettesimo punto personale per il 21-15; time out per la panchina cuneese. Giuliano, subentrata per Andeng, mette giù un bel primo tempo che vale il 22-16. Butigan mette la firma sul punto che regala alle ospiti il primo match ball, che Fahr concretizza alla prima occasione con un ace: 25-16 e ottava vittoria per l’Imoco Volley Conegliano in altrettante partite di campionato disputate.

TABELLINO

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO – BOSCA S.BERNARDO CUNEO 3-0 (25-11 / 25-10 / 25-16)

Imoco Volley Conegliano: Gennari 2, Gicquel 18, Hill 9, Omoruyi 9, Fahr 13, Butigan 7, Caravello (L). N.e. De Kruijf, De Gennaro, Adams, Wolosz, Sylla, Egonu Allenatore: Santarelli

Bosca S.Bernardo Cuneo: Bici 5, Moschettini, Andeng 1, Battistino 3, Stijepic 4, Fava 1, Montabone (L), Giuliano 1

NOTE

Durata set: 19’, 19’, 20’. Durata totale: 1h e 04’.

Arbitri: Curto, Giardini

MVP: Lucille Gicquel

Imoco Volley Conegliano: muri 9, ace 5, errori in battuta 12, 50% in attacco, 67% (54%) in ricezione.

Bosca S.Bernardo Cuneo: muri 0, ace 0, errori in battuta 7, 20% in attacco, 35% (27%) in ricezione.

Impianto: Palaverde, Villorba (Treviso)

LE STATISTICHE DEL MATCH 

LE VOCI DEL POST PARTITA

«Un’emozione indescrivibile e un onore debuttare in A1 contro le campionesse del mondo – dichiara la schiacciatrice della Bosca S.Bernardo Cuneo Beatrice Battistino –. Ringrazio Liano Petrelli, Renato Rosa e la società tutta per questa opportunità. Bici, Stijepic e Fava ci hanno aiutato molto sostenendoci nei momenti più difficili. Obiettivi stagionali? Giocare in B2 e nei campionati di Under 17 e Under 19 ed essere convocata negli allenamenti della prima squadra, che rappresenterebbero una preziosa occasione di crescita».

«Abbiamo visto alcuni elementi del nostro settore giovanile che in prospettiva possono diventare delle buone atlete, e questo è il risultato odierno più importante – dichiara il presidente di Cuneo Granda Volley Diego Borgna –. Eravamo consapevoli di affrontare una corazzata, contro la quale dovremmo giocare al 150% per vincere anche con la formazione tipo. Oggi il bicchiere è quasi pieno: siamo tornati a giocare e l’abbiamo fatto onorando il match fino alla fine».