Il piccolo Marco con i genitori Ciro Chiaro e Silvia Errico e il capitano della Bosca S.Bernardo Cuneo Noemi Signorile prima del test match con la Reale Mutua Fenera Chieri del 6 marzo (credit Danilo Ninotto)

Grazie alla sinergia tra le due realtà a partire da marzo verranno distribuiti buoni pasto da utilizzare presso la mensa dell’Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle di Cuneo

Prosegue la collaborazione tra Cuneo Granda Volley e l’associazione “La Favola di Marco 1q41.12 ONLUS”, che insieme lanciano una nuova iniziativa volta a sostenere i genitori di bambini ricoverati nel reparto di Pediatria dell’Azienda Ospedaliera S. Croce e Carle di Cuneo. Grazie alla sinergia tra le due realtà, a partire dal mese di marzo verranno infatti distribuiti buoni pasto da utilizzare nella mensa dell’ospedale di Cuneo.

L’idea è nata dall’urgenza avvertita dai fondatori dell’associazione Silvia Errico e Ciro Chiaro, spesso in ospedale per assistere il loro Marco, affetto da una grave malattia genetica ad oggi unico caso al mondo, di offrire alle mamme e ai papà di bambini ospedalizzati un aiuto concreto per far fronte a una necessità che, da un anno è questa parte, è diventata ancora più di difficile risoluzione. Un pasto caldo rappresenta un importante supporto che può fare la differenza per il benessere fisico e psicologico dei genitori dei piccoli ricoverati, concedendo loro un momento per ricaricare le energie e trovare nuove forze per stare vicini dei propri figli.

Cuneo Granda Volley ha accolto con entusiasmo la proposta dell’associazione “La Favola di Marco 1q41.12 ONLUS”, stanziando a favore del progetto un contributo che è andato a integrare il ricavato della vendita delle Christmas Box 2020. L’iniziativa è stata lanciata ufficialmente sabato 6 marzo prima dell’allenamento congiunto tra Bosca S.Bernardo Cuneo e Reale Mutua Fenera Chieri, quando le giocatrici biancorosse hanno consegnato a Marco una maglia da gioco personalizzata e autografata e capitan Signorile ha posato per una foto di rito con una stampa di grande formato del buono pasto insieme a Marco e i genitori.

Il progetto ha trovato ottimi riscontri nel reparto di Pediatria dell’Azienda Ospedaliera S. Croce e Carle di Cuneo, il cui primario Eleonora Tappi che si è detta commossa. Lo scorso 22 dicembre le giocatrici e lo staff tecnico della Bosca S.Bernardo Cuneo e una rappresentanza dello staff del reparto di Pediatria dell’Ospedale Santa Croce e Carle di Cuneo si erano scambiati gli auguri natalizi con il fondamentale tramite dell’ABIO Cuneo, altra realtà che Cuneo Granda Volley continua a sostenere.

LE PAROLE DI SILVIA ERRICO, PRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE LA FAVOLA DI MARCO 1q41.12 ONLUS «L’idea dei buoni pasto era già nella nostra testa da un po’: spesso trascorriamo lunghi periodi in ospedale e sappiamo che reperire un pasto caldo, oltre ad essere impegnativo dal punto di vista economico, non è sempre facile. A dicembre, dopo l’ennesimo ricovero, ho avvertito l’urgenza di dare un aiuto concreto alle mamme e ai papà ricoverati con i loro bambini. Senza Cuneo Granda Volley la nostra suggestione non sarebbe diventata realtà: alla società di via Bassignano va il nostro grazie per l’entusiasmo e il costante supporto».

LE PAROLE DI PAOLO CORNERO, RESPONSABILE MARKETING E COMUNICAZIONE CUNEO GRANDA VOLLEY «Siamo molto felici e orgogliosi di poter finalmente lanciare un’iniziativa alla quale abbiamo lavorato per mesi. Quasi un anno fa annunciavamo una donazione a favore della terapia intensiva dell’Ospedale di Cuneo, oggi partiamo con un progetto che aiuta i genitori dei bambini ricoverati in Pediatria, che in questo momento storico, oltre alla sofferenza per la degenza, devono fare i conti l’attuale pandemia che rende tutto più complicato. Con La Favola di Marco 1q41.12 ONLUS ancora una volta c’è stata perfetta sintonia, e non vediamo l’ora di poterli riavere a bordocampo in una delle nostre partite nella prossima stagione».